Scuola Ragusa 12/09/2017 18:38 Notizia letta: 313 volte

Il Galilei e il Fermi al congresso della Società Italiana di Fisica

A Trento
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-09-2017/galilei-fermi-congresso-societ-italiana-fisica-500.jpg

Ragusa - Dall’11 al 15 settembre si svolgerà a Trento il 103° Congresso della Società Italiana di Fisica. Quella di quest’anno sarà un’edizione particolare del congresso sia perché c’è la ricorrenza dei 120 anni di attività della Società Italiana di Fisica e sia perché coincide con il novantesimo anniversario del celebre Congresso di Solvay del 1927, durante il quale i maggiori esponenti della fisica dell’epoca posero le basi della moderna meccanica quantistica.
Le cinque giornate di lavoro del congresso si terranno al Polo scientifico e tecnologico “Fabio Ferrari” a Povo, coinvolgeranno circa 600 fisici italiani e si articoleranno, come da tradizione, in sezioni e incontri plenari, di taglio scientifico più aperto e divulgativo, di interesse anche per i fisici e le fisiche non esperti/e del settore.
Nella sezione dedicata alla storia e didattica della fisica il prof. Concetto Gianino, docente di matematica e fisica presso il Liceo Fermi di Ragusa, presenterà, giovedì 14 settembre, una comunicazione sull’attività di formazione in fisica moderna, svolta nell’anno scolastico 2016/2017 e realizzata dal Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania in collaborazione con il Liceo Galilei di Modica e il Liceo Fermi di Ragusa.

L’attività coordinata dalla prof.ssa J.Immé, responsabile nazionale per la Fisica del Piano Lauree Scientifiche è stata condotta dai proff. F. Riggi, V. Branchina del Dipartimento di Fisica di Catania e dal prof. Gianino. Il corso di aggiornamento ha previsto incontri in presenza presso il Dipartimento di Fisica e il Liceo Galilei di Modica, ha coinvolto circa 100 docenti di matematica e fisica della Sicilia occidentale. Durante gli incontri si sono affrontati i temi della fisica moderna previsti nei percorsi curriculari ministeriali LS-OSA con la finalità di agevolare i docenti alla trasposizione didattica nelle loro classi. Oltre agli incontri in presenza c’è stata anche una attività in rete di condivisione, avvenuta tramite un gruppo in un noto social network e ha avuto due finalità: condividere le attività e integrare le attività dei due poli e fornire ai corsisti un esempio di utilizzo dei social network per gestire un’azione didattica in classe.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif